- Strumenti di tutela

Al fine di garantire il diritto di accesso, il legislatore prevede due diversi strumenti di tutela, azionabili da parte del soggetto che abbia subito l’illegittima lesione del diritto stesso, in virtù di diniego della P.A. o di silenzio serbato da questa sull’istanza di accesso, per un periodo (in 30 gg) sufficiente a far maturare il silenzio-rifiuto.

STRUMENTI DI TUTELA ACCESSO CIVICO SEMPLICE

Nel caso in cui, a seguito di una richiesta di accesso civico semplice, i responsabili omettano oppure ritardino la pubblicazione di quanto richiesto, nel termine di 30 gg dalla presentazione dell'istanza,  il richiedente può rivolgersi al titolare del potere sostitutivo individuato ai sensi dell'art. 2, c. 9-bis L. 241/90 (utilizzando la modulistica presente nella sezione "Modulistica accesso - Mod. 2) richiesta di accesso civico semplice al titolare del potere sostitutivo (pdf /odt) , che, verificata la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione, provvede entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta.
A fronte dell'inerzia da parte del RPCT o del titolare del potere sostitutivo, il richiedente, ai fini della tutela del proprio diritto, può proporre ricorso al Tribunale amministrativo regionale ai sensi dell'articolo 116 del Codice del processo amministrativo del d.lgs. 2 luglio 2010, n. 104.

Il titolare del potere sostitutivo del Consiglio regionale, nominato con con delibera dell'Ufficio di Presidenza n. 164 del 19.11.2013 è il Direttore della Direzione Affari della Presidenza e Legislativi, Dott.ssa Francesca Di Muro: tel. 0862/644703; e mail: francescadimuro@crabruzzo.it

STRUMENTI DI TUTELA ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (FOIA)

In caso di diniego totale o parziale dell'accesso o di mancata risposta entro il termine di 30 giorni dalla presentazione dell'istanza, il richiedente può presentare richiesta di riesame al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, utilizzando la modulistica presente nella sezione "Modulistica accesso - Mod. 4) richiesta di riesame accesso civico generalizzato (pdf / odt)" secondo le seguenti modalità:

Sulla richiesta di riesame, l'RPCT decide, con provvedimento motivato, entro il termine di venti giorni dalla richiesta.
Nel caso in cui i dati o i documenti richiesti siano detenuti dal RPCT la richiesta di riesame deve essere presentata al titolare del potere sostitutivo nominato dal Consiglio regionale (Dott.ssa Francesca Di Muro: tel. 0862/644703; e mail: francescadimuro@crabruzzo.it)
Il richiedente può, altresì, rivolgersi al Difensore civico regionale il quale si pronuncia entro 30 giorni dalla presentazione del ricorso. Se il Difensore civico ritiene illegittimo il diniego o il differimento ne informa il richiedente e lo comunica all'ufficio che ha pronunciato la decisione. Qualora quest'ultimo non confermi il diniego o il differimento entro 30 giorni dalla decisione, l'accesso è consentito.
La decisione dell'amministrazione sulla richiesta e il provvedimento del Responsabile della trasparenza possono essere impugnate davanti al Tribunale amministrativo regionale ai sensi dell'articolo 116 del Codice del processo amministrativo.