Tribunali:Grande lavoro.Presentata relazione.

Versione stampabileVersione stampabile
(01/12/2018 - 13:49)

(ACRA) –  La regione Abruzzo è l'unica regione d'Italia ad aver istituito una commissione regionale sui tribunali ordinari che oggi ha rimesso la sua relazione finale frutto del lavoro di ascolto dei territori, delle istituzioni, di tutti i portatori d'interesse. Rilevante in questo percorso durato un anno di lavoro è stata la qualità dell'Organismo e la peculiare funzione della Commissione come "Organo istituzionale" sovra-territoriale rispetto ad ogni altro soggetto di rivendicazione locale di natura politica o economica, e anche rispetto agli Enti locali, autonomamente considerati e separatamente operanti. Inoltre la coincidenza del territorio regionale abruzzese con il Distretto di Corte d'Appello dell'Aquila ha evidenziato la funzione ricognitiva per la salvaguardia di ogni obiettiva certezza delle peculiarità dei quattro circondari, presi in considerazione attraverso un complesso esame di componimento generale teso al superamento di ogni localismo. La Commissione "Tribunali d'Abruzzo" ritiene, dunque, di aver svolto compiutamente le funzioni ad essa delegate dalla legge regionale, provvedendo a raccogliere, dagli organi territoriali competenti e dai soggetti di rilevante interesse socio-economico, tutti i documenti ritenuti opportuni per procedere all'esame generale e alle valutazioni comparative di tutte le situazioni e condizioni dei quattro circondari oggetto di studio. La relazione presentata questa mattina opera una ricognizione puntuale di tutte le soluzioni emerse dalle diverse audizioni. In via unitaria la Commissione si è espressa per la salvaguardia di tutti i tribunali oggetto della riforma statale, anche perché tale ipotesi era prevista nel contratto dell'attuale maggioranza di Governo. Mentre le diverse ipotesi emerse dallo studio e dall'ascolto di tutti i portatori di interesse sono stati rispettivamente: la fusione dei presìdi giudiziari di Lanciano-Vasto, inquadrati in un solo Ufficio con competenze ripartite; lo studio di un'interessante riforma di "aree giudiziarie", sostenuta dal Comune di Sulmona e rielaborata dal Consiglio dell'Ordine forense di quella città. Di notevole interesse la proposta del comune di Avezzano e di 30 comuni marsicani su supporto tecnico dell'Ordine dei Commercialisti della Marsica, che hanno proposto di sostenere il concorso delle spese relative alla salvaguardia del tribunale di Avezzano. Sono queste le conclusioni illustrate dal Presidente Giuseppe Di Pangrazio (che è stato il coordinatore della Commissione) assieme ai componenti della stessa Commissione, gli avvocati Piercarlo Cirilli (in rappresentanza dell' Ordine degli avvocati di Sulmona), Franco Colucci (Presidente ordine avvocati Avezzano), Vittorio Meloni (Presidente ordine avvocati Vasto, oggi assente per motivi familiari) e Silvana Vassalli (Presidente ordine avvocati Lanciano). Della Commissione è componente anche il Presidente della giunta regionale Giovanni Lolli così come stabilito dalla regionale numero 10 del 2017. Di Pangrazio ha quindi portato a termine il compito che gli era stato assegnato dal Consiglio regionale, attraverso un complesso lavoro durato un anno e concluso con l'approvazione all'unanimità della relazione finale da parte della Commissione. Come annunciato, la commissione consegnerà la relazione finale al Presidente della Giunta Giovanni Lolli e toccherà a quest'ultimo aprire un'interlocuzione con il Governo e il Ministro della Giustizia. Per il Presidente Di Pangrazio : "E' stato un lavoro importante e di spessore che ha coinvolto tutte le rappresentanze istituzionali regionali, voglio ricordare che siamo l'unica regione d'Italia che ha deciso di istituire con legge regionale una commissione indipendente che ha prodotto uno studio oggettivo fatto di dati, cifre, studi, che nel fotografare la geografia giudiziaria ha proposto anche un possibile percorso al Governo. Questo studio verrà inoltre da me presentato e condiviso all'interno della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative, così come il Presidente Giovanni Lolli ne discuterà all'interno della Conferenza Stato - Regioni. Il nostro lavoro è stato apprezzato dalle altre regioni e sono certo che diverrà un metodo anche per altre realtà interessate dalla riforma nazionale. La relazione quindi è il frutto di un forte impegno nell'ascolto dei territori a cui è stata data voce , senza nessuna manifestazione campanilistica, ma al contrario sono stati messi in rassegna una serie di atti suggellati dalla condivisione del lavoro della Commissione sostenuta dall'attività giuridica e forense. " Infine il Presidente Di Pangrazio ha annunciato che il prossimo 11 dicembre parteciperà all'incontro promosso dal Ministro Bonafede sugli uffici giudiziari di prossimità, ribadendo che: "Questi sono cosa diversa dal mantenimento rivendicato dalla commissione dei quattro tribunali ordinari d'Abruzzo" La commissione si è riunita quindici volte e in dodici riunioni formali all'Aquila nell'arco di un anno. Il Presidente ha ringraziato i commissari per la loro presenza e per aver rinunciato ad ogni rimborso spese. La commissione ha operato senza alcun aggravio di spesa per il bilancio regionale. " (m.f.)

SCHEDA
LA COMMISSIONE SUI TRIBUNALI D'ABRUZZO


Come nasce la Commissione: Con la deliberazione n.640 del 7.11.2017 la Giunta regionale ha disposto l'istituzione della Commissione "Tribunali d'Abruzzo", in attuazione dell'art. 2, L.R. n. 10/2017. Con successiva nota del 28.11.2017 il Presidente della Regione ne affidava il Coordinamento al Presidente del Consiglio regionale.
Da chi è composta: La Commissione si compone di quattro membri, scelti tra esperti in materie giuridiche e/o dell'amministrazione della Giustizia, indicati da ciascun Consiglio dell'Ordine Forense dei circondari di Avezzano, Vasto, Lanciano, Sulmona e nominati dal Presidente della Regione. Ne fanno parte il Presidente Giuseppe Di Pangrazio (in qualità di coordinatore) , l' Avvocato Piercarlo Cirilli (in rappresentanza dell' Ordine degli avvocati di Sulmona ) , l'Avvocato Franco Colucci (Presidente ordine avvocati Avezzano), l' Avvocato Vittorio Meloni (Presidente ordine avvocati Vasto) e l'Avvocato Silvana Vassalli (Presidente ordine avvocati Lanciano).
Obiettivo della Commissione : La Commissione provvede ad acquisire, dagli organi territoriali competenti, tutti i documenti e gli atti ritenuti opportuni per procedere all'esame e alla valutazione di ogni elemento utile a garantire la permanenza dei Tribunali ordinari abruzzesi – con le relative Procure della Repubblica – per i quali è stata disposta la soppressione, ovvero al riconoscimento di un nuovo assetto territoriale del "servizio giustizia" da rendere all'Abruzzo attraverso la prossimità ai cittadini dei presidi giudiziari. La Commissione ha operato sulla scorta dei criteri oggettivi ed omogenei già menzionati nell'art. 1, n.2 lett. b della legge delega 14.09.2011, n. 148, che tengono conto dell'estensione del territorio , del numero degli abitanti, dei carichi di lavoro 6 e dell'indice delle sopravvenienze, della specificità territoriale del bacino di utenza, anche con riguardo alla situazione infrastrutturale e del tasso di impatto della criminalità organizzata. Al termine dei lavori, la Commissione ha il compito di riferire al Presidente della Giunta regionale, redigendo un circostanziato e motivato piano progettuale da presentare al Ministro della Giustizia.
Quando è stata costituita: Con nota del 5 dicembre 2017, veniva data comunicazione del processo costitutivo della Commissione ai Sindaci di Avezzano, Lanciano, Sulmona e Vasto, e veniva richiesta ai Presidenti degli Ordini forensi delle predette città l'indicazione dei nominativi delle persone designate ad assumere l'incarico di componente la commissione medesima. La Commissione regionale "Tribunali d'Abruzzo" si è costituita e insediata a L'Aquila, nella sala "Ignazio Silone" del Palazzo dell'Emiciclo sede del Consiglio Regionale d'Abruzzo, il giorno 29 dicembre 2017, alle ore 11.00, regolarmente convocata per l'insediamento e per la redazione dell'agenda dei lavori.
Quante riunioni ha tenuto: La Commissione ha tenuto 15 riunioni di cui dodici riunioni formali, di seguito  dettagliate:
Seduta del 29 dicembre 2017: insediamento della Commissione.
Seduta del 26 gennaio 2018: vengono auditi, congiuntamente, i Sindaci di Lanciano e di Vasto. Inoltre le Organizzazioni Sindacali Cgil e Uil. Viene acquisita documentazione relativa ai quattro circondari.
Seduta del 2 febbraio 2018: sono stati sentiti i rappresentanti di alcuni Ordini professionali (Ingegneri, Architetti, Geometri, Consulenti del lavoro).
Seduta del 16 febbraio 2018: La Commissione ha acquisito la documentazione relativa al Tribunale di Vasto e di Lanciano, completa dello studio sulle economie generate, i programmi e le statistiche del territorio, il rapporto tra i Tribunali di Vasto e di Lanciano; lo studio dell'Ordine forense di Avezzano; copia delle deliberazioni del comune di Avezzano e dei comuni della Marsica, del comune di Sulmona e dei comuni della Valle Peligna.
Seduta del 16 marzo 2018: la Commissione procede ad un primo esame dei documenti acquisiti e ad una prima valutazione delle audizioni espletate.
Seduta del 9 aprile 2018: La Commissione ha proceduto all'audizione dei rappresentanti dell'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Avezzano e della Marsica acquisendo il relativo studio.
Seduta del 26 Aprile 2018: Audizione del sindaco di Avezzano e acquisizione della prima Relazione dell'Ordine degli Avvocati di Sulmona.
Seduta del 3 maggio 2018: audizione del Sindaco di Sulmona.
Seduta del 9 luglio 2018: La Commissione conclude la fase istruttoria delle audizioni e dell'acquisizione degli atti.
Seduta del 23 luglio 2018: Sono state elaborate le premesse argomentative e la parte dispositiva del circostanziato e motivato atto di indirizzo da presentare al Ministro della Giustizia, per il tramite del Presidente della Giunta regionale. Nel corso dell'incontro viene acquisita la seconda relazione dell' Ordine degli Avvocati di Sulmona
Seduta del 13 novembre 2018: il Presidente del Consiglio regionale illustra la bozza del documento di sintesi elaborato, contenente la proposta finale da sottoporre all'iniziativa istituzionale del Presidente della Regione Abruzzo. Viene approvata la bozza emendata del documento finale.
Seduta del 28 novembre 2018: La Commissione approva all'unanimità la relazione finale.
Cosa contiene il dossier consegnato al Governo: è composto dalla relazione finale e da 29 allegati.