Olivieri a Mazzocca su discarica Ci.Ve.Ta

Versione stampabileVersione stampabile
(21/09/2018 - 17:00)

(ACRA) - "Leggo con grande attenzione le recenti perentorie esternazioni del sottosegretario all'ambiente Mazzocca che annuncia che non si farà la quarta vasca, promossa da un operatore privato e ubicata a ridosso della discarica consortile Ci.Ve.Ta. di Cupello, perché incompatibile con l'ambiente vincolato e con il vigente Piano Regionale Rifiuti". Questo il commento del consigliere regionale Mario Olivieri che prosegue: "Se Mazzocca crede veramente a quello che dice, allora vada a raccontare al Sig. Procuratore della Repubblica di Vasto, perché questa fortunata coincidenza non sia già emersa in sede di valutazione della prima stesura del progetto all'esame della Commissione Via Regionale e come mai e con chi il gestore della terza vasca ha programmato la propria autonoma ed improvvida iniziativa, sconosciuta a tutti gli amministratori del territorio vastese (visto che nessuno ne rivendica la paternità) ed allo stesso Commissario di Ci.Ve.Ta. che, guarda caso, è anche il dirigente del settore rifiuti della Regione Abruzzo". "Poi ci dica - continua Olivieri - come mai al Consorzio Pubblico Ci.Ve.Ta. sia stata destinata dalla Regione Abruzzo una somma infima per gli investimenti in impianti, costringendo il Consorzio agli accordi di programma con i privati, mentre al consorzio Ecolan di Lanciano sia stato attribuito un finanziamento da circa 12 milioni di euro di soldi pubblici da utilizzare per sistemare i loro. E' evidente il tentativo in corso di fare del territorio vastese la pattumiera privata dell'Abruzzo a vantaggio di altri lidi". "Addirittura il sottosegretario all'ambiente – incalza il consigliere di Abruzzo Civico - tenta di dare anche lezioni di diritto amministrativo, ipotizzando che non sia possibile ricostituire gli organi di Ci.Ve.Ta., restituendo la gestione ai Sindaci proprietari del Consorzio, perché il Cda costerebbe troppo. Dimentica di dire che se la gestione è costata troppo nel passato, non è detto che debba costare tanto ora, proprio nel momento in cui si deve proteggere e salvaguardare il territorio vastese da una azione di spoglio evidente che ha bisogno di essere contrastata dagli eletti del territorio. Non confonda, inoltre, la futura gestione pubblica unitaria da parte di Agir, con la proprietà di Ci.Ve.Ta. da valorizzare e che appartiene solo ed esclusivamente ai cittadini ed ai Comuni soci e si renda conto che il Commissario attuale, dirigente della Regione, oltre ad essere malato, come avrebbe lui stesso affermato, e quindi non in grado di assicurare vigile presenza, seppure a costi ridotti, potrebbe anche essere in palese conflitto di competenza dovendo sostenere sia le ragioni della Regione, sia le ragioni dei singoli Comuni soci di Ci.Ve.Ta". "In ogni caso – prosegue Olivieri - ben venga il sostegno di Mazzocca alle rimostranze di quanti contrastano, come noi, l'intervento dei privati nella filiera dei rifiuti del vastese: ci auguriamo però che non si tratti di una semplice elucubrazione elettorale, alla ricerca di un improbabile consenso, in vista delle imminenti elezioni regionali, perché in questo caso sarebbe solo fumo negli occhi dei cittadini - svegli ed amareggiati - che hanno visto, in questi cinque anni, solo vincoli ambientali e mortificazione economica per il territorio vastese da parte di una Giunta Regionale ostile ed avara di iniziative produttive per il territorio. In questo caso, infatti, meglio farebbe il sottosegretario a restare in silenzio in attesa della inevitabile 'ordalia'". (com/red)