Olivieri, impianto Ci.Ve.Ta:"A difesa del vastese"

Versione stampabileVersione stampabile
(13/09/2018 - 16:22)

(ACRA) - Il consigliere regionale Mario Olivieri interviene in merito alla seduta della commissione regionale VIA che si è tenuta questa mattina all'Aquila. "La commissione - spiega olivieri – è chiamata ad esprimersi sul progetto di realizzazione di una quarta vasca, promosso dall'operatore privato Cupello Ambiente, da realizzarsi in adiacenza all'impianto consortile Ci.Ve.Ta. di Cupello". "Con grande meraviglia – scrive Olivieri - nonostante il rilievo mediatico della citata operazione e nonostante le numerose prese di posizione politiche su questo importante argomento, si è dovuto verificare che solo il sottoscritto ed il Sindaco di Monteodorisio Saverio Di Giacomo eravamo presenti a rappresentare gli interessi del consorzio pubblico e del territorio. Assenti i rappresentanti Ci.Ve.Ta. ed i Sindaci di Vasto, San Salvo e di Cupello, evidentemente distratti o non sufficientemente interessati. Sta di fatto che i rappresentanti del territorio sono stati auditi in commissione ed hanno potuto precisare che giammai dovrà essere consentita una prevaricazione così forte degli interessi territoriali senza il coinvolgimento delle popolazioni. "La iniziativa in esame – spiega Olivieri - e le altre promosse da Cenatech e Valle Cena se approvate, potrebbero trasformare Cupello ed il vastese nella pattumiera di Abruzzo, a favore di operatori privati. Ciò non può e non deve essere fatto. Tutte le operazioni vanno valutate, complessivamente, nell'interesse pubblico prevalente e devono essere gestite da istituzioni pubbliche controllate da chi rappresenta il territorio. Ogni altra considerazione lascerebbe la porta aperta a possibili speculazioni in un settore quale è quello ambientale, dove troppi forti sono i rischi ed i connessi interessi". "Per queste ragioni – conclude il consigliere - sarà indispensabile ragionare attentamente, riservandosi di sollecitare anche l'intervento della magistratura per valutare le ombre e le omissioni che fin dall'inizio hanno caratterizzato questa pratica. Menna, Magnacca e Marcovecchio che sono i Sindaci proprietari di Ci.Ve.Ta., si rimuovano dal torpore e prendano finalmente una definitiva posizione su questi interventi che, ad oggi , sembrerebbero evolvere in danno dei propri cittadini. La seduta Via è stata aggiornata alla prossima settimana". (com/red)