Febbo su elezioni al Consorzio di bonifica sud

Versione stampabileVersione stampabile
(04/12/2018 - 15:21)

(ACRA) - "Non ho nessun problema, se verrà accolta la mia richiesta da parte del Presidente del Consiglio regionale, nel riportare in Commissione di Vigilanza le problematiche sollevate dalla lista 'Consorziati indipendenti' sul rinvio delle elezioni degli organi al Consorzio di Bonifica Sud". E' quanto afferma il Consigliere regionale Mauro Febbo che aggiunge: "Ricordo però al Movimento 5 stelle che della nuova deputazione consortile fanno parte anche membri indicati dal Consiglio regionale e credo che sia più opportuno e democratico rinviarle all'indomani dell'insediamento della nuova assise regionale". "Inoltre – prosegue Febbo - mi preme ricordare come già in 5 occasioni ho portato all'attenzione della Commissione le problematiche che hanno investito in questi anni il Consorzio di Bonifica Sud. In quelle occasioni, sono stati auditi sia i vari Commissari succedutosi sia l'assessore regionale su questioni fondamentali e urgenti. Ricordo come in questi anni ho criticato e smascherato atti, compiuti dal Consorzio di Bonifica Sud, che ritengo illegittimi e che risultano senza copertura finanziaria. Alle cinque convocazioni in Commissione di Vigilanza, si devono aggiungere le denunce inviate alle Autorità di Sorveglianza nonché alla Corte dei Conti su delibere aventi per oggetto, assunzioni, incarichi, nomine di nuovi direttori, bilanci in negativo e affidamento di lavori poco chiari". "Mi spiace registrare solo oggi un certo attivismo da parte del Movimento 5 stelle, a ridosso di un importante appuntamento elettorale – sottolinea il presidente della Commissione di Vigilanza - contrariamente a un anno fa quando chiesi a loro di sottoscrivere un mio emendamento per stanziare 500 mila in favore dell'Ente vastese. La commissione di Vigilanza continuerà a monitorare, come d'altronde ha sempre fatto, sugli atti e sulle delibere del Consorzio di Bonifica Sud al fine di garantire i diritti dei soci e che non vengano portate avanti azioni che possano danneggiare gli imprenditori agricoli e lo stesso Ente". "Pertanto – conclude Febbo – se avrò la possibilità di convocare una Commissione di Vigilanza chiarirò come sia opportuno andare al voto della nuova deputazione del Consorzio di Bonifica Sud solo dopo il rinnovo del Consiglio regionale". (com/red)