Febbo-Sospiri: "Misure urgenti attuate in ritardo"

Versione stampabileVersione stampabile
(29/11/2018 - 18:27)

(ACRA) - "Un governo regionale che continua a navigare a vista, senza un minimo di programmazione seria sulle misure urgenti come il Piano Neve che viene approvato in forte ritardo solo a fine novembre attraverso una specifica Legge regionale e, cosa più grave, con risorse non sufficienti a coprire l'intero territorio abruzzese". Questo il commento dei consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri a margine della seduta odierna del Consiglio regionale. "Per il Piano Neve – spiegano Febbo e Sospiri - vengono stanziate solo 400 mila euro, ossia 100 mila euro a Provincia, rispetto ai 300 mila erogati in passato a ogni Provincia per affrontare l'emergenza delle nevicate. Quindi riteniamo veramente grottesco che si arrivi solo al 29 novembre per stanziare solo 400 mila euro per le quattro le province per l'emergenza neve. Questa è semplicemente la dimostrazione di come la Regione Abruzzo sia completamente impreparata e non all'altezza nell'affrontare il prossimo inverno. La stessa incompetenza purtroppo la riscontriamo su altri temi fondamentali per l'economia abruzzese che attendono da tempo risposte. Infatti – rimarcano Febbo e Sospiri – arrivano solo oggi in Commissione Bilancio, variazioni importanti per gli interventi a sostegno dei Comuni colpiti da avversità atmosferiche, i contributi ai Comuni per opere infrastrutturali, il contributo straordinario al Teatro Marrucino di Chieti, il Fondo Unico Regionale per la Cultura (FURC), il Fondo di rotazione per il Consorzio di Bonifica Centro e Consorzio interno nord, il Fondo sociale regionale per l'espletamento di servizi in materia sociale e socio assistenziale, il trasferimento alle province per il trasporto e assistenza scolastica agli studenti disabili, i contributi previdenziali per i dipendenti del centro di ricerca Cotir di Vasto, il contributo ai Comuni per la qualificazione Urbana, i contributi alle associazioni ANFFAS, le provvidenze per l'unione Ciechi e le erogazione di contributi per il sostegno alimentare delle persone in stato di povertà. Quindi un maxi emendamento che arriva in notevole ritardo, a fine anno, dopo aver messo in seria difficoltà molti Enti e Associazioni abruzzesi che non sono riusciti a svolgere nessuna programmazione seria non avendo la certezza dei finanziamenti da ricevere". "Pertanto – concludono Febbo e Sospiri - pur ritenendo molte variazioni indispensabili e urgenti, essendo inserite spese ed elargizioni non condivisibili poiché di natura elettorale, rimaniamo molto critici sui tempi che questo governo regionale impiega nell'affrontare questioni che meritano un approccio totalmente diverso e pertanto ci siamo astenuti". (com/red)