Febbo-Gatti:Tar conferma nostre denunce su Gal

Versione stampabileVersione stampabile
(28/09/2018 - 13:52)

(ACRA) -  "Crediamo che sia accaduto poche volte nella storia giuridica italiana che un Tar trasmetta gli atti di un procedimento alla Procura e questo non è altro che il frutto dell'arroganza, della spregiudicatezza di questo Governo regionale. Purtroppo i danni creati sulla vicenda GAL (Gruppi Azione Locale) causeranno non solo la sospensione e il rallentamento di ben 24 milioni di euro di fondi comunitari del Programma di Sviluppo Rurale ma anche il rischio di vedere annullato per intero il bando pubblicato nel settembre 2016, bloccando tutte le strategie locali presenti sul territorio regionale". A dichiaralo sono i Consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Paolo Gatti che spiegano quanto segue: "La sentenza del Tar conferma in toto tutte le nostre preoccupazioni sollevate. Su questa vicenda abbiamo assistito sia all'immobilismo, all'inefficienza e all'inadeguatezza dell'assessore regionale alle Politiche Agricole Dino Pepe sia all'abuso commesso dal Direttore Di Paolo che non doveva e né poteva firmare l'atto di proroga su cui c'era un parere negativo del dirigente responsabile della procedura oltre a irregolarità scaturite circa la riapertura dei termini di tre giorni concessa in extremis, per volere del Presidente D'Alfonso al solo fine di riammettere il Gal teramano 'Terreverdi'. Lo avevamo dichiarato e denunciato attraverso comunicati e conferenze stampa oltre nel corso di un'apposita Commissione di Vigilanza. Oggi, il Tar dell'Aquila, oltre a escludere il Gal teramano costiero 'Terreverdi' riammettendo quello interno 'Gran Sasso Laga', trasmette perfino gli atti alla Procura della Repubblica per accertare se vi siano stati profili di carattere penale come indebite ingerenze, pressioni e forzature, oltre a condannare la Regione a pagare 12 mila euro di spese processuali. Adesso chi paga queste spese? Cosa pensa l'assessore regionale Pepe che aveva in pompa magna condannato le nostre segnalazioni e rassicurato il mondo rurale sulla legittimità delle procedure assunte da Di Paolo? Ci aspettiamo da Pepe sia le scuse sia le sue dimissioni. Siamo di fronte a una bruttissima pagina della vita istituzionale della Regione Abruzzo caratterizzata da atti, comportamenti, pressioni e gravi violazioni mai verificatisi prima. Ricordiamo – spiegano Febbo e Gatti – che tutto nasce dalla richiesta di proroga concessa alla Misura 19 del PSR sui Gal su insistenza del Presidente D'Alfonso, attraverso una specifica lettera invita al Direttore Antonio Di Paolo e ai responsabili della Misura dove veniva chiesto lo slittamento di una settimana e poi, dopo il primo diniego, arriva con una mail a firma questa volta di Claudio Ruffini, all'epoca segretario del Presidente, che sollecitava Di Paolo a concedere la proroga di tre giorni, il tempo necessario per far arrivare la documentazione del Gal Teramano Terreverdi. Richiesta poi trasformata in una specifica determina che vede la firma del solo Direttore Di Paolo e non del dirigente responsabile dell'ufficio che dopo il suo rifiuto fu addirittura sottoposto a procedimento disciplinare. Sui Gal si è consumata una vicenda senza precedenti. La sentenza del TAR è chiara e inequivocabile: il Direttore Di Paolo non poteva e doveva firmare quella determina di proroga, ha commesso un abuso amministrativo con il silenzio assenso dell'assessore Pepe e adesso ci aspettiamo le immediate dimissioni di entrambi. Pertanto quella proroga è illegittima e boccia l'operato della Regione Abruzzo e quello dell'assessore Pepe che ha permesso che nella Direzione da lui governata accadesse e si perpetrasse tutto ciò. È del tutto evidente che siamo di fronte all'ennesima prova di come D'Alfonso e Pepe abbiano peccato di arroganza, di come abbiano lavorato in questi anni e di come abbiano utilizzato l'ente Regione e soprattutto – concludono Febbo e Gatti - dei tanti pasticci creati che verranno alla luce uno dopo l'altro e gli abruzzesi si accorgeranno da quale classe dirigente miope siano stati governati".(com/red)