Febbo: "Concorsi forzati con esiti bloccati"

Versione stampabileVersione stampabile
(27/11/2018 - 09:59)

(ACRA) - "La ASL di Lanciano-Vasto-Chieti si è lanciata, in questi ultime settimane, nell'emanazione di diversi bandi per concorsi pubblici che hanno tutto il sapore di campagna elettorale". Questo il commento del consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo che aggiunge quanto segue: "Dopo l'avviso pubblico per l'assunzione di n. 25 coadiutori amministrativi con contratto di lavoro a tempo determinato, riservato ai soggetti disabili di cui all'art. 1 della Legge 68/99, dove 'casualmente' ci sono nomi che rimandano, sempre a parenti di dipendenti della stessa ASL e del mondo politico teatino, viene pubblicata la delibera numero 1407 del 22 novembre per ratificare la graduatoria di merito del concorso pubblico per la copertura di un posto da Dirigente Amministrativo da assegnare all'Area Giuridico – Amministrativo". "Come nel precedente concorso - precisa ancora Febbo - anche in questo bando troviamo diversi esposti e ricorsi. Nel primo caso dei 25 coadiutori la graduatoria non è definitiva ed è stata sospesa mentre nel secondo caso, pur in presenza di ben due ricorsi, la Asl ha deciso ugualmente di pervenire ad una delibera che prontamente è stata sospesa dal Tar". Inoltre aggiunge il consigliere Mauro Febbo: "Concorso quest'ultimo per il quale nutrivo da tempo forti dubbi e infatti ho depositato una interrogazione, ho inviato una segnalazione all'Anac e richiesto l'accesso agli atti. Pertanto mi auguro che ci sia da parte dell'assessorato, della Direzione Regionale e della stessa Asl un ripensamento su questo modo di agire a meno di 80 giorni dal voto. Questa gestione lascia l'amaro in bocca tanto da risultare incomprensibili poiché sicuramente portano qualche decina di 'preferenze' in più ma scatenano malcontento tra i tanti che hanno partecipato e la cui determinazione rafforza un risultato elettorale ormai già scontato" . (com/red)