Consorzio bonifica sud, Febbo: situazione anomala

Versione stampabileVersione stampabile
(06/11/2018 - 14:31)

(ACRA) - "Credo che al Consorzio Bonifica Sud si stia rasentando l'impensabile. Singolare e alquanto anomala infatti è la delibera avente ad oggetto 'elezioni consortili 2018 – Esame ricorso liste degli aventi diritto', dove Franco Amicone in qualità di commissario approva il ricorso che lui stesso ha presentato, in veste però di conduttore agricolo, per richiedere di modificare le liste degli aventi diritto al voto". A dichiararlo è il Consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo che spiega quanto segue: "Il Consorzio di Bonifica Sud vive ormai da 4 anni uno dei momenti più bui della sua storia amministrativa con l'attuale commissario più impegnato a mantenere la posizione piuttosto che a tutelare gli interessi delle aziende e degli agricoltori del vastese. Praticamente, apprendiamo che Franco Amicone, mentre svolge il suo ruolo da Commissario di un Ente in forte difficoltà finanziaria (ricordiamo che l'ultimo rendiconto 2017 da lui approvato ha chiuso con un disavanzo di amministrazione di circa dodici milioni di euro), si è iscritto come impresa agricola. L'agricoltore Franco Amicone, per partecipare alle elezioni consortili, ha dovuto sottoscrivere un contratto con il quale afferma di essere coltivatore diretto e di effettuare tale attività nel Comune di Sant'Eusanio del Sannio. Tutto questo per farsi eleggere Presidente del Consorzio di Bonifica sud di Vasto. Sono passati due anni dalla nomina e nonostante i fondi non utilizzati e il contributo della stessa Regione (più di cinquecentomila euro), nonostante le entrate derivanti dai lotti di Chiauci finanziati (più di un milione e cinquecentomila euro), e nonostante il riaccertamento dei residui effettuati con delibera di Amicone (residui passivi eliminati pari a tre milioni di euro), il conto consuntivo dell'anno 2017 chiude con un disavanzo di circa dodici milioni di euro". "Il Consorzio invece di azzerare il disavanzo amministrativo ha aumentato i suoi dirigenti, i dipendenti, gli incarichi e le consulenze. Nonostante tutto, il Commissario Amicone adesso aspira addirittura a essere eletto Presidente del Consorzio di Bonifica Sud: questo – conclude Febbo - dimostra l'incompetenza e l'inaffidabilità del Commissario Amicone che ho invitato più volte a dimettersi". (com/red)