Biblioteca Penne chiusa: "Servizio indispensabile"

Versione stampabileVersione stampabile
(17/10/2018 - 16:39)

(ACRA) - "La biblioteca pubblica di Penne continua a restare chiusa da oltre 2 anni, non è mai stato possibile riaprirla dopo gli eventi sismici e le forti nevicate degli scorsi anni. Ancora pasticci e promesse dalla Regione che non da seguito alla convenzione, che probabilmente giace in qualche cassetto, in attesa che qualcuno realizzi quanto previsto dal patto stipulato con il comune per riaprire i locali della lettura". Ad affermarlo sono il consigliere regionale Domenico Pettinari e la consigliera comunale del M5S Paola Duttilo, che con tutto il gruppo consiliare M5S già nel novembre 2017 presentò un'interrogazione comunale con la quale chiedeva se fosse stato raggiunto un accordo tra Regione e il comune di Penne per individuare personale e risorse economiche per tenere aperta l'agenzia culturale. "Penne non può restare senza un centro per i servizi culturali, rischiando di creare un divario ancora più ampio tra aree interne e costa, che vede la costante migrazione dei giovani in favore di quest'ultima" spiega Domenico Pettinari. La regione, che già lo scorso anno si impegnò a trovare una soluzione, è ferma da tempo" incalza il 5 stelle "A causa della fuga del presidente Luciano D'Alfonso a Roma. Una situazione che pesa per le piccole e le grandi realtà del territorio che si trovano a dover aspettare un nuovo presidente che nel pieno delle sue funzioni trovi una soluzione per problemi come questo. Le zone interne non possono essere dimenticate e tenute in considerazione solo a ridosso delle campagne elettorali". (com/m.f.)