Bando infermieri, Ranieri chiede chiarezza

Versione stampabileVersione stampabile
(24/09/2018 - 08:27)

(ACRA) - "Avevamo ventilato l'ipotesi che la riapertura del bando per i coordinatori infermieristici fosse dettata da calcoli elettorali, ora il direttore della Asl ce ne ha dato la certezza". Ad affermarlo è il Consigliere regionale Gianluca Ranieri intervenuto per replicare alle dichiarazioni del direttore gernale della Asl Avezzano Sulmona L'Aquila. "Non c'è nessun vuoto da colmare negli organici - prosegue Ranieri - poiché il bando non prevede assunzioni e i ruoli da coordinatore sono già coperti dai facenti funzioni; per cui delle due l'una: o Tordera non sa di che cosa sta parlando, o, più prosaicamente, vuole procedere il più speditamente possibile alle nomine dei coordinatori per accontentare possibili portatori di voti, nonostante la procedura sia datata e quindi non più rispondente alle reali esigenze oltre che foriera di possibili ricorsi. D'altronde, i soldi non sono suoi, non è sua l'azienda sanitaria e se alla fine con ricorsi ed annullamenti a rimetterci saranno i contribuenti che si ritroveranno a dover pagare i costi di procedimenti legali e scarsa programmazione poco male". "Tutto questo - aggiunge il Consigliere regionale del M5s - senza contare l'ingiusta e ingiustificata esclusione (poiché non esistono veri motivi di urgenza) di coloro che ad oggi hanno maturato i requisiti per accedere al ruolo e non ne erano in possesso 6 anni fa. Rinnoviamo al direttore Tordera la richiesta di un confronto con tutte le sigle sindacali, al quale speriamo di essere invitati - conclude Ranieri - perché si possa fare chiarezza su una vicenda che desta non poche perplessità". (com/red)