Asl, Febbo su gestione urgenze nelle aree interne

Versione stampabileVersione stampabile
(24/09/2018 - 08:33)

(ACRA) - "Quanto accaduto la scorsa notte all'amico Carlo Martelli e alla sua famiglia è la dimostrazione dello stato di insicurezza in cui oggi viviamo, ma l'avvenuta mancanza di soccorso, purtroppo, testimonia l'inefficacia della programmazione e della gestione delle urgenze del sistema sanitario territoriale". E' quanto afferma il Presidente della Commissione di Vigilanza del Consiglio regionale Mauro Febbo commentando l'ultimo fatto di cronaca accaduto a Lanciano. "Se nella periferia di Lanciano dopo oltre 20 minuti non arriva l'ambulanza a prestare i dovuti soccorsi, non oso immaginare cosa possa verificarsi nelle zone interne e più isolate. Questo triste episodio - evidenzia Febbo - è la manifestazione di quanto il Ministero della Salute ha certificato nel tavolo di monitoraggio del 26 luglio scorso: la sanità abruzzese e in particolare la Asl Lanciano - Chieti - Vasto vivono in uno stato comatoso, fatto di non programmazione e indebitamento. La deriva è vicina. È necessario un immediato ricambio per invertire la rotta",  conclude Febbo ache esprime la propria vicinanza "all'amico Carlo Martelli e alla sua famiglia". (com/red)