Aperti a L'Aquila i lavori del Cram (1)

Versione stampabileVersione stampabile
(23/11/2018 - 12:26)

(ACRA) - Questa mattina, nella Sala consiliare "Sandro Spagnoli" del Palazzo dell'Emiciclo a L'Aquila, hanno preso il via i lavori dell'assemblea annuale del Consiglio regionale degli Abruzzesi nel Mondo (Cram). Il Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio ha portato il saluto dell'Assemblea legislativa abruzzese. "Quello rappresentato in Aula questa mattina è un Abruzzo fuori dall'Abruzzo" ha affermato Di Pangrazio che ha poi sottolineato l'importanza della presenza del cardinale della Diocesi metropolita dell'Aquila mons. Giuseppe Petrocchi che ha voluto testimoniare la sua vicinanza e sottolineare come il lavoro svolto dalle associazioni degli abruzzesi nel mondo è simile a quello svolto della Chiesa. "Quegli abruzzesi nel mondo – ha sottolineato Di Pangrazio - che raccontano le nostre bellezze, la nostra storia e le nostre tradizioni, testimoniando anche i momenti più difficili come quello del 2009. In quell'occasione abbiamo assistito alla grande prova di solidarietà dei nostri concittadini che vivono in ogni angolo della terra mostrando quei principi di vicinanza e fratellanza che sono tipici del nostro dna. Uno spirito di cui Enzo Alloggia, che oggi abbiamo ricordato con un minuto di raccoglimento, era uno straordinario rappresentante". Di Pangrazio, ringraziando il Presidente del Cram, il Consigliere regionale Antonio Innaurato, ha sottolineato come "l'Emiciclo è la casa di tutti gli abruzzesi e vuole essere un punto di riferimento per tutti, soprattutto per coloro che vivono all'estero e che qui potranno trovare accoglienza a prescindere del colore politico dell'amministrazione regionale. L'Aquila – ha concluso il suo intervento Di Pangrazio – diventerà più bella e sicura, anche grazie alla vostra solidarietà". Ad aprire i lavori è stato proprio il Presidente del Cram Innaurato che, dopo aver sottolineato come oggi siano 155 le associazioni degli abruzzesi nel mondo, presenti in tutti i continenti, che rappresentano oltre 1 milione 800 mila corregionali, ha spiegato la scelta de L'Aquila come sede dell'Assemblea annuale: "In questi giorni, le associazioni che si sono tanto impegnate dopo il sisma, potranno verificare, dopo quasi 10 anni, a che punto si trova la ricostruzione del capoluogo di Regione e soprattutto avremo tutti insieme la possibilità di ringraziarle per quanto hanno fatto. Ci aspetta un ricco programma di eventi nel corso del quale cercheremo di comprendere l'importanza dei rappresentanti abruzzesi all'estero e come possano ricoprire il ruolo di orgogliosi ambasciatori della nostra regione. In questo senso, vogliamo aprire un nuovo percorso rimanendo sempre nel solco di quello che rappresenta il Cram". All'Assemblea sono intervenuti il Presidente della Giunta regionale Giovanni Lolli, l'assessore Lorenzo Berardinetti e i Consiglieri regionali Pietro Smargiassi e Donato Di Matteo. (segue) (red/sf)