L'Ufficio di Presidenza

Versione stampabileVersione stampabile

 


Presidente 
Giuseppe Di Pangrazio (PD)

Vice Presidenti
Lucrezio Paolini (Italia dei Valori)
Paolo Gatti (Forza Italia)

Consiglieri Segretari
Alessio Monaco (Regione Facile)
Giorgio D'Ignazio (NCD)


Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento interno per i lavori del Consiglio regionae, l'Ufficio di Presidenza:

  1. provvede alle attività di informazione, di consultazione, di studio, di organizzazione utili per favorire lo svolgimento delle funzioni delle Commissioni e del Consiglio;
  2. redige il progetto di bilancio preventivo e il conto consuntivo del Consiglio predisposti secondo le norme in materia di contabilità;
  3. assegna annualmente gli obiettivi alle Direzioni e le risorse necessarie alla loro attuazione, in base agli stanziamenti del bilancio di previsione del Consiglio;
  4. prende atto della costituzione dei gruppi, assicura agli stessi la disponibilità di locali, risorse strumentali e finanziarie e delibera i relativi contributi, in conformità alla legge regionale;
  5. assicura ad ogni consigliere il libero esercizio del suo mandato e ne tutela le prerogative, fatte salve le attribuzioni del Presidente in materia di osservanza del Regolamento;
  6. accerta la regolarità delle richieste di istituzione di Commissioni d'inchiesta presentate al Consiglio ai sensi dell'art. 146;
  7. decide sugli eventuali reclami circa la costituzione dei gruppi e delle Commissioni;
  8. in caso di morte, decadenza o dimissioni di un consigliere provvede alla sostituzione dello stesso con l'avente diritto, ferma restando la convalida;
  9. delibera su ogni altra questione ad esso sottoposta dal Presidente ed esercita le altre funzioni ad esso attribuite dallo Statuto, dalle leggi, dal Regolamento e dal Consiglio.
  10. L'Ufficio di Presidenza adotta le deliberazioni a maggioranza di voti. In caso di parità di voti, prevale il voto del Presidente.
  11. Per la validità delle deliberazioni è necessaria la presenza di almeno tre membri, compreso il Presidente o il vice Presidente che lo sostituisce a norma dell'art. 11.