Rincari su A24 e A25, risoluzione di Pietrucci

Versione stampabileVersione stampabile
(05/01/2018 - 13:27)

(ACRA) - "Presenterò nelle prossime ore una risoluzione nella Commissione che presiedo, che sarà discussa nella prima seduta utile, per impegnare il Presidente e la Giunta regionale a fare della questione del rincaro dei pedaggi delle autostrade A24 e A25 una assoluta priorità politica". E' quanto afferma il Presidente della Commissione Territorio, Pierpaolo Pietrucci in merito alla questione del rincaro dei pedaggi delle autostrade A24 e A25. "È positivo che il Presidente abbia già messo in campo utili iniziative - prosegue Pietrucci - ponendo la questione all'attenzione sia del ministro Delrio che delle Autorità di vigilanza, ed era questo del resto l'obiettivo delle mie recenti, anche nette, prese di posizione pubbliche". Pietrucci parteciperà all'incontro con il ministro assieme al Presidente D'Alfonso e al collega con delega Camillo D'Alessandro". Per il Consigliere regionale "il fronte ora non va disperso anzi, occorre rinsaldarlo con atti istituzionali. In questo senso sono continue le mie interlocuzioni con i sindaci, i sindacati e le associazioni di categoria. Visto che il problema riguarda tutta la Regione essendo l'A24 e l'A25 di fatto le uniche infrastrutture di collegamento rapido con Roma e non solo che servono sia l'Abruzzo interno che quello costiero, l'auspicio e la necessità è che la risoluzione riceva il sostegno di tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale rendendo questa una battaglia abruzzese, che prescinde dalle appartenenze e dalle ideologie". "Nella risoluzione - conclude Pietrucci - chiederemo intanto e da subito nuove misure convenzionali favorevoli per i pendolari, una revisione contrattuale che preveda un limite invalicabile di aumento del 2 per cento annuo a partire dall'anno in corso, un nuovo piano di lavori in cui la Regione partecipi al controllo dei punti contrattuali. Chiederemo inoltre che al termine del contratto in vigore la gestione delle autostrade A24 e A25 diventi pubblica". (com/sf)