P.O. di Popoli: rispettare la moratoria per sisma

Versione stampabileVersione stampabile
(06/12/2017 - 13:14)

(ACRA) – L'Ospedale di Popoli continua a perdere servizi e funzioni fondamentali come il pronto soccorso mentre la moratoria prevista per i presidi all'interno del cratere sismico avrebbe dovuto salvaguardare le sue funzionalità almeno per tre anni. E' questa l'accusa del Capogruppo di Forza Italia Lorenzo Sospiri al governo regionale ed alla direzione generale della Asl di Pescara. Questa mattina, uno specifico punto all'ordine del giorno della Commissione di Vigilanza avrebbe dovuto affrontare la questione, ma gli auditi Silvio Paolucci e Armando Mancini (Direttore Generale ASL Pescara) non si sono presentati. "La convocazione della Commissione è datata 24 novembre, quindi gli auditi sono stati informati in tempo e con largo anticipo. Spiace rilevare l'ennesimo diniego al confronto ed anche la mancata giustificazione per non aver partecipato ai lavori di una Commissione Consiliare –afferma Sospiri – Noi vogliamo che questa vicenda venga discussa nella aule deputate, che sono il Consiglio regionale e le Commissioni consiliari ma evidentemente a Paolucci e Mancini non interessa dell'ospedale di Popoli. Al contrario vorrei ricordare che un emendamento bipartisan a firma Castricone, deputato del Pd, confluito poi nel decreto legge 8 del 09 febbraio 2017, stabilisce che la struttura di Popoli, sita nel cratere sismico, possa godere della moratoria di tre anni del decreto Lorenzin, e che nello stesso periodo non possa essere sottoposta ad interventi di rimodulazione. Purtroppo era stata annunciato che i reparti del presidio di Popoli non dovevano subire trasformazioni ma al contrario mantenere l'attuale assetto dell'ospedale, con le diverse Unità oggi presenti quali i Pronto soccorso, Rianimazione, Riabilitazione, Medicina, Chirurgia e Ortopedia. Ma non è così- aggiunge Sospiri – per questo vogliamo sapere perché non si rispetta una legge dello Stato e perché si sta disponendo il declassamento di diversi reparti come il pronto soccorso h24, l'ortopedia, la chirurgia ed il laboratorio analisi. Tra l'altro – conclude Sospiri – le attività sismiche sono ancora in corso così come i disagi per le aree interne nel cratere sismico. Continueremo questa battaglia vigilando sul rispetto del decreto legge statale. (com/m.f.)