"Dove sono le risorse dei Comuni per l'infanzia?"

Versione stampabileVersione stampabile
(11/08/2017 - 14:52)

(ACRA) - Il Vice-Presidente Paolo Gatti comunica che: "Nel 2015 la Regione Abruzzo è stata destinataria di un finanziamento statale riservato a tutte le Regioni italiane avente ad oggetto il "Rilancio del piano di sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia" per un importo di euro 4.586.500,00. Nel corso del 2016 la Regione ha approvato il programma attuativo, successivamente un Avviso pubblico e infine le relative graduatorie con l'assegnazione dei fondi ai 32 Comuni come di seguito:

Scerni € 82.176,00
Francavilla al Mare € 220.000,00
Miglianico € 76.410,00
Castelvecchio Subequo € 10.500,00
Fontecchio € 31.500,00
Celenza sul Trigno € 96.691,20
Carsoli € 156.000,00
Furci € 36.883,20
Manoppello € 200.000,00
Palmoli € 127.616,00
Corropoli € 181.277,96
Bomba € 92.400,00
Popoli € 80.000,00
Casalincontrada € 199.300,00
Bellante € 185.022,82
San Salvo € 183.123,20
Ortona € 219.300,00
Sulmona € 220.000,00
Avezzano € 176.400,00
Paglieta € 220.000,00
Montesilvano € 220.000,00
Civitella del Tronto € 190.080,00
Lettomanoppello € 16.380,00
Montorio al Vomano € 35.600,00
Città Sant'Angelo € 220.000,00
Magliano dei Marsi € 117.562,50
Pratola Peligna € 179.342,60
Pineto € 85.500,00
Torre de' Passeri € 217.580,00
Rosciano € 220.000,00
Tortoreto Lido € 60.000,00
Perano € 180.000,00

"Con notevole disappunto va registrato che, ad oggi, nel relativo capitolo di bilancio, n. 21002, non risulta alcuna disponibilità- afferma il Vice-Presidente del Consiglio regionale, Paolo Gatti - In altri termini quei fondi non ci sono più. I Comuni beneficiari non hanno dunque ricevuto i fondi richiesti ed assegnati per l'avvio di nuovi servizi, riduzione liste di attesa, estensione dei servizi, sostegno ai costi di gestione e riduzione delle rette a carico delle famiglie. Desideriamo sapere – e ciò sarà oggetto di apposita interpellanza – dove sono finite queste risorse, per quali motivi sono state destinate ad altro, e in che modi e tempi saranno recuperate e ripristinate per renderle coerenti con le finalità del finanziamento statale, ponendole nella disponibilità dei Comuni per servizi di primaria importanza in favore dei cittadini abruzzesi." (com)