Coop. Azzurra, Febbo: responsabilità della Asl

Versione stampabileVersione stampabile
(06/12/2017 - 13:44)

(ACRA) - "La Cooperativa sociale Azzurra di Chieti, che per 20 anni ha gestito il servizio di assistenza domiciliare integrata (Adi) per conto della Asl, è ormai ad un passo dal default, liquidazione coatta, con 170 dipendenti che da mesi non percepiscono lo stipendio, per colpa della persistente ed ingiustificabile inerzia della stessa Asl Chieti – Lanciano - Vasto". E' quanto afferma il Consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo che sottolinea: "Siamo di fronte a una situazione paradossale e inqualificabile. Nonostante le rassicurazioni del Direttore Pasquale Flacco, in Commissione di Vigilanza, nel mese di luglio 2016, a oggi alla non vengono ancora liquidati i crediti certi di ben 5.416.591,21, riconosciuti della stessa Asl e nonostante le ingiunzioni del Tribunale. Chiaramente la Cooperativa ha dovuto sospendere l'attiva e provvedere al licenziamento delle 170 unità che vantavano decine di mensilità arretrate oltre al Tfr, senza contare il disagio causato alle centinaia di assistiti e alle loro famiglie. Siamo di fronte a un collasso finanziario della cooperativa sociale "causato" dai mancati pagamenti dell'azienda sanitaria, che deve ancora saldare fatture relative addirittura al 2011. Ma l'assurdità di questa "commedia kafkiana" e che è la stessa Asl in data 20 aprile 2017 ha comunicato alla Coop Azzurra che, al 31 dicembre 2016, era debitrice di oltre 5 milioni di euro precisando: "Vi saremo grati se vorrete confermare direttamente al collegio sindacale e a questa azienda che il suddetto saldo corrisponde alle vostre risultanze contabili", cosa che la Cooperativa ha fatto in data 15 maggio 2017. Sono trascorsi ben 7 mesi da allora, nonostante le istanze rivolte ai vertici Asl, a quelli della Regione, in particolare all'assessorato alla Sanità e pure alla Prefettura per cercare di far valere le proprie ragioni. Ma, nonostante il pressing continuo, non si è riusciti a ottenere nulla". "Ho presentato questa mattina stessa – conclude Febbo –una risoluzione urgente affinché si intervenga immediatamente per porre rimedio a questo "scellerespaorato comportamento omissivo" da parte della ASL 02". (com)